Cosa fare se il bambino non vuole mangiare?

Risponde il pediatra Dott. Vincenzo Calia

La miglior cosa da fare in questi casi è preparare meno cibo e astenersi dal forzare il bambino a mangiare più di quanto lui stesso non desideri.
È normale infatti che quando ci si avvicina a due anni l’appetito del bimbo diminuisca un po’: la causa di questa diminuzione è la corrispondente diminuzione della crescita di peso e di altezza.
Un bambino cresce fra la nascita e i due anni molto di più di quanto non cresca nel periodo che va dai due ai quattro anni.
Mamma e papà spesso vengono colti di sorpresa da questi cambiamenti e cominciano ad aver paura che il loro bambino finisca per essere denutrito.
E così, a volte, cominciano a insistere a cercare mille trucchi per farlo mangiare fino ad arrivare a delle vere e proprie forzature.
Il bambino, a sua volta, non capisce perché venga “torturato” a questa maniera e reagisce con un rifiuto del cibo ancora più fermo.
Si innesca così un circolo vizioso che trasforma in un incubo per tutti il momento del pasto e della pappa.
Ecco perché, salvo situazione specifiche, è meglio smettere di aver paura, di forzare i bambini a mangiare e di pensare che i bambini più grassottelli siano più sani di quelli magri.

Se il problema o il disturbo persiste, si consiglia di consultare il vostro pediatra curante.

Tag:

Vuoi contattare direttamente il PEDIATRA?

Autorizzo la rielaborazione e la pubblicazione della mia domanda in forma anonima

LEGGI GLI ULTIMI ARTICOLI

  • Il pianto è una cattiva abitudine?

    Piangere per i bambini è un modo sano di segnalare un disagio e rispondervi prontamente è una risposta altrettanto sana.

    Leggi
  • Non si tocca!

    Come educare il bambino a esplorare l’ambiente senza essere distruttivo o farsi male?

    Leggi

Inserisci parola chiave: