Il linguaggio dei bambini

Scopri il fascino e la complessità dello sviluppo del linguaggio, un percorso unico per ogni bambino. In questa sezione trovi le risposte alle possibili difficoltà per sostenere al meglio il tuo bambino in un percorso così sfidante.

In questo articolo

  • Lo sviluppo del linguaggio
  • Come capire se il bambino ha problemi di linguaggio?
  • Il bambino non parla: quando preoccuparsi
  • La balbuzie nei bambini: cosa fare se il bambino balbetta
  • “mio figlio mi chiama per nome”

Lo sviluppo del linguaggio

sviluppo linguaggio dei bambini

Il linguaggio dei bambini è un fenomeno straordinario che si manifesta attraverso un processo tanto sorprendente quanto complesso. Quando un bambino comincia a parlare, sembra farlo all'improvviso, ma in realtà questo processo di apprendimento linguistico è già iniziato nella sua mente molto prima che le prime parole vengano pronunciate. Il passaggio dalla fase in cui il linguaggio del bambino è un indistinto ciangottio comprensibile solo ai genitori, a quella in cui le sue parole sono più chiare, può avvenire improvvisamente o gradualmente nel corso di molti mesi e anni.

Tuttavia, arriva sempre il momento in cui il bambino acquisisce la capacità di esprimersi verbalmente. Questo evento rappresenta un'espansione del suo mondo fisico, simile a quando impara a camminare, e ora acquisisce la capacità di comunicare con il mondo intorno. Mentre ogni bambino ha il proprio ritmo e il proprio percorso di sviluppo del linguaggio, è importante per i genitori fornire un ambiente ricco di opportunità di apprendimento e sostegno emotivo per aiutarli a crescere.

Come capire se il bambino ha problemi di linguaggio?

Per valutare se un bambino che non parla ha problemi, si deve prima capire se ci sente: si può partire dall’osservazione delle sue reazioni. Sobbalza a rumori improvvisi? Si gira se lo chiamiamo? Balla alla musica? Vuole mettere l'orecchio al telefono? Se la risposta è "sì", sente e sta imparando il linguaggio.

Bisogna poi osservare se interagisce con gli altri, gioca, risponde agli stimoli e indica gli oggetti desiderati, anche se non ne pronuncia il nome. Se la risposta è ancora sì, sicuramente inizierà a parlare. Consultiamo uno specialista solo se abbiamo dubbi sulle sue capacità uditive o relazionali, ma raramente sarà necessario.

Il bambino non parla: quando preoccuparsi

Alcuni bambini mostrano un precoce interesse per la comunicazione verbale, mentre altri preferiscono esprimersi attraverso il linguaggio non verbale. Questa diversità nei tempi e nei modi di sviluppo del linguaggio è normale e riflette la varietà delle esperienze individuali dei bambini. È importante per i genitori comprendere che ogni bambino ha il proprio ritmo di sviluppo e non c'è una “corsa” per raggiungere determinati traguardi linguistici.

Molti genitori si preoccupano se i loro figli non sviluppano il linguaggio nel tempo previsto. Tuttavia, è importante ricordare che ogni bambino è un individuo unico e il suo percorso di sviluppo può variare considerevolmente. Sebbene alcuni bambini possano iniziare a parlare più tardi rispetto agli altri, ci sono diversi modi in cui possono comunicare e interagire con il mondo intorno a loro.

La balbuzie nei bambini: cosa fare se il bambino balbetta

Il disturbo della balbuzie, comune tra i bambini di due e tre anni, si manifesta quando il bambino ha difficoltà a pronunciare le parole in modo fluido e scorrevole. Sebbene possa essere preoccupante per i genitori, è importante ricordare che la balbuzie è spesso temporanea e si risolve da sola con il tempo.

I genitori possono aiutare i loro figli a superare la balbuzie fornendo un ambiente di supporto e comprensione. Evitare di mettere pressione sul bambino per parlare più velocemente o correttamente e invece incoraggiarlo a esprimersi liberamente e senza giudizio può essere estremamente utile nel migliorare la sua fiducia e il suo comfort con il linguaggio.

“mio figlio mi chiama per nome”

Un bambino che inizia a chiamare i genitori per nome anziché "mamma" o "papà" può disorientare alcuni. Tuttavia, questo comportamento non indica necessariamente una perdita del legame affettivo. È parte della fase di sperimentazione linguistica dei bambini. Quando diventano più sicuri nell'uso delle parole, sono affascinati dai diversi modi in cui le persone intorno a loro si riferiscono a qualcuno. I genitori possono correggere gentilmente l'uso improprio delle parole, ma non dovrebbero preoccuparsi troppo. Con il tempo, il bambino tornerà a chiamarli "mamma" e "papà".

Scopri la nostra App dedicata alla puericultura.

applicazioni

In questo articolo

  • Lo sviluppo del linguaggio
  • Come capire se il bambino ha problemi di linguaggio?
  • Il bambino non parla: quando preoccuparsi
  • La balbuzie nei bambini: cosa fare se il bambino balbetta
  • “mio figlio mi chiama per nome”

Scopri la nostra App dedicata alla puericultura.

applicazioni

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra i professionisti della salute e il lettore. Le tappe di sviluppo del bambino da 0 a 12 mesi descritte sono puramente indicative: ogni bambino segue ritmi di sviluppo propri. E' pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico pediatra e/o specialista.