Club Pampers Accedi
test

Bambino che gattona: come mai ancora non sa camminare?

Ogni bambino ha bisogno dei suoi tempi per iniziare a camminare.

A cura del pediatra Dott. Vincenzo Calia

Il momento in cui i bambini iniziano a camminare non è uguale per tutti.

Dopo il primo anno di vita i bambini possono iniziare a camminare, ma non è sempre così per tutti. Ogni bambino ha la su storia.

 

Dopo il compimento di un anno in genere i bambini imparano a camminare. Alcuni lo hanno già fatto prima. Però ci sono bambini che invece non ce la fanno e si accontentano di gattonare, oppure non possono fare a meno di reggersi a un sostegno o alla mano dei genitori.

In genere questo suscita qualche apprensione, il più delle volte immotivata.

Cominciamo col dire che gli esseri umani non sono macchine ad orologeria, che vanno avanti con ritmo regolare e uguale per tutti. Sono invece esseri viventi e, come tali, soggetti a differenze enormi fra un soggetto e l’altro.

Pensate soltanto alla forma del naso o al tono della voce: ognuno di noi ha le sue caratteristiche e, per quanto due persone si possano assomigliare, nessuno (con l’eccezione dei gemelli monovulari) è identico ad un’altra persona.

Questo vale per le tante tappe dello sviluppo psicomotorio: reggere la testa, stare seduti, gattonare, camminare ecc.

Esiste ovviamente un quadro di riferimento generale valido per tutti (come per il naso: può essere più o meno lungo e grosso, ma nessuno ha due nasi o tre narici), ma all’interno di questo quadro ci sono molte variazioni possibili.

Un’influenza sullo sviluppo della deambulazione, a volte, ce l’ha il peso: bambini più pesanti potrebbero trovare più difficile e faticoso muoversi autonomamente.

Poi ci sono le molte variabili costituzionali e genetiche.

Perciò, se compiuto l’anno il vostro bambinogattona e non cammina, chiedete pure chiarimenti al vostro pediatra che, sulla base di una valutazione complessiva, molto probabilmente vi tranquillizzerà.

ARTICOLI CORRELATI

  • Crescita neonato: movimenti e scatti

    La crescita del neonato e il suo sviluppo motorio sono accompagnati da strani movimenti. Non c'è alcun motivo di preoccuparsi poiché è un fatto fisiologico.

    Leggi
  • A spasso con il bambino

    Uscire a spasso con il proprio bambino può essere per l’adulto un’esperienza destabilizzante.

    Leggi

Inserisci parola chiave: