Club Pampers Accedi
test

Il bambino punta i piedi, vuole stare sempre dritto

Stare in piedi a pochi mesi non causa problemi al neonato

A cura del pediatra Dott. Vincenzo Calia

Mille volte un pediatra si sente fare questa domanda da genitori di bambini di setto/otto mesi.

E si capisce perché: il bambino certamente non è in grado di camminare, ma ogni volta che gli capita l’occasione (quando viene cambiato per esempio) punta i piedi e si mette dritto; sempre con il sostegno di un adulto, si capisce.

Qualcuno deve aver messo in giro la voce che stare in piedi a questa età faccia male alla schiena: e così i genitori cercano di evitarlo.

E sbagliano.

La schiena di un bambino di pochi mesi è molto elastica ma molto robusta, più di quanto non possiamo immaginare. Inoltre è sostenuta da una muscolatura che sta crescendo e animata da un sistema nervoso in evoluzione.

Che a un certo punto acquisisce delle capacità che prima non aveva, come quella di puntare i piedi e mettersi dritto. Quando un bambino impara a fare una cosa nuova, la vuole (e la deve) fare, inutile cercare di fermarlo.

Altrettanto inutile evitare di tenerlo in piedi: quei pochi minuti al giorno di esercizio non solo non fanno male, ma anzi incoraggiano lo sviluppo motorio del bambino che, piano piano, imparerà a mettersi sulle ginocchia, a gattonare e infine a camminare.

ARTICOLI CORRELATI

  • A che età è consigliato che il bambino possa dormire nella sua stanza?

    Da quando il bambino può dormire da solo nella sua cameretta senza i genitori?

    Leggi
  • Ritorno al lavoro - sostenere mamma e bambino

    In un mondo ideale, i genitori potrebbero stare accanto al loro bambino, senza mai separarsi, per tutta la vita, ma il mondo del lavoro è parte della vita di un...

    Leggi

Inserisci parola chiave: