Club Pampers Accedi
test

Il Sole, i neonati ed i bambini: quali sono i pro ed i contro?

Protezioni e creme solari per bambini, eritemi ed occhiali da sole: come comportarsi?

A cura del pediatra Dott. Vincenzo Calia

Il sole fa bene per la crescita e lo sviluppo del bambino e del neonato? Come comportarsi riguardo alle creme, agli eritemi solari o con gli occhiali da sole per i bimbiNei neonati l’esposizione al sole consente alla pelle di sintetizzare la vitamina D, importantissima nella crescita e nel consolidamento delle ossa, ma anche indispensabile per lo sviluppo dell’immunità.

Diciamolo subito: il sole fa bene, è forse per questo che San Francesco lo chiamava “Fratello sole”. Lo sanno tutti, nei paesi in cui splende il sole si vive meglio e si è più felici: è per questo che dal Nord scendono ogni anno nel nostro Paese milioni di persone alla ricerca del sole e noi stessi, quando possiamo, d’inverno, cerchiamo ancora più a Sud il sole.

Nei neonati l’esposizione al sole consente alla pelle di sintetizzare la vitamina D, importantissima nella crescita e nel consolidamento delle ossa, ma anche indispensabile per lo sviluppo dell’immunità.

Perciò non occorre “proteggerci” dal sole, ma se mai bisogna andargli incontro, usando però le regole del buon senso, perché quello che è dannoso (e può anche predisporre a gravi malattie della pelle come i melanomi o gli eritemi solari) è l’ustione da esposizione diretta ai raggi del sole.

Qualche regola.

Nelle passeggiate in città non ha alcun senso proteggere la pelle del bambino dal sole: niente creme solari o filtri, basterà un cappellino. Infatti l’intensità dei raggi non è mai tale da essere pericolosa, a meno che uno non decida di farsi un paio d’ore di passeggiata, dall’una alle tre del pomeriggio, su e giù per una piazza assolata e senza alberi!

Anche al mare le creme solari per bambini servono relativamente: il neonato infatti non “sta al mare”, ma “viene portato” al mare e, non potendosi muovere da solo, resta lì dove la mamma lo mette, e cioè sotto l’ombrellone, dove i raggi del sole, riflessi dalla sabbia o dall’acqua del mare, non sono diretti e non ustionano. Ma se volete stare più tranquilli, applicate pure, all'arrivo in spiaggia, un po' di crema protettiva. E gli orari? Esagerare fa sempre male: nessun neonato ha piacere di stare tutto il giorno fuori casa, all'aria aperta, al sole e al vento.

In montagna conviene stare all'ombra, coprire gambette e braccine, mettere un cappellino per bambini: se siamo in quota e il sole splende tutto il giorno, la crema protettiva aiuterà.

In campagna e al lago valgono le stesse precauzioni.

ARTICOLI CORRELATI

  • La pertosse nei bambini

    La pertosse è una malattia molto fastidiosa per i bambini, e può essere facilmente evitata grazie ad una semplice vaccinazione

    Leggi
  • Visita pediatrica agli organi genitali del bambino

    I testicoli migrano dall'addome allo scroto durante la vita fetale, ma a volte questo non avviene. In questi casi bisogna rivolgersi al pediatra che ne individu...

    Leggi

Inserisci parola chiave: