Club Pampers Accedi
test

In vacanza con i bambini.

Scopri tutti i vantaggi di viaggiare ed andare in vacanza con i bambini.

A cura del pediatra Dott. Vincenzo Calia

Quando nasce un figlio (soprattutto il primo) la vita dei genitori cambia per sempre: cambia in meglio, certamente, ma qualcuno può sentire la presenza di un figlio come una specie di ostacolo, una limitazione della propria libertà .
Infatti ci si chiede spesso se si può andare in vacanza con i figli piccoli.
Bene, la risposta è sì.
Anzi, con i bambini piccoli si va in vacanza e si viaggia meglio che con quelli più grandi: non pagano il biglietto sull’aereo, sulla nave o sul treno, non pagano supplementi in albergo, sono più tranquilli e meno capricciosi dei bambini più grandi, si trasportano facilmente con un marsupio o un passeggino ecc.
Qualche accorgimento però bisogna averlo.
Se si parte in automobile è fondamentale dotarsi di seggiolini di sicurezza e posizionarli correttamente in auto, accertandosi che siano bloccati dalle cinture e che gli air bag siano disattivati (air bag anteriore in caso di seggiolino legato al sedile del passeggero); per viaggiare conviene scegliere le ore in cui il bambino dorme (l’automobile, fra l’altro, ha sempre avuto un effetto “soporifero” sui bambini); l’aria condizionata, regolata su una giusta temperatura (fra i 20 e i 24 gradi) può essere usata senza problemi; meglio viaggiare a stomaco pieno, ma possibilmente non di latte, ma di qualcosa di più consistente, è consentito ad un bambino in viaggio sgranocchiare qualcosa (lo distrae ed evita il mal d’auto); fermarsi ogni tanto per il cambio del pannolino e per spezzare il viaggio, magari con un buon caffè (per i genitori, naturalmente).
Se partite in aereo generalmente verrete sistemati nella prima fila di poltrone, dove c’è più spazio per muoversi e dove si può applicare una cullina sospesa in cui il bambino può riposare; non abbiate paura del fastidio alle orecchie in fase di decollo e di atterraggio, ai bambini capita più o meno quello che capita a noi, sentono l’orecchio che si tappa: succhiare il seno o un biberon li aiuterà a superare il disagio; l’eventuale cambio di fuso orario potrà disturbare il sonno, anche se i bambini si adattano al nuovo orario spesso più facilmente degli adulti.
In nave lo spazio è tanto e anche le distrazioni; il mal di mare si combatte con piccoli pasti solidi e cercando di non stare in ambienti troppo chiusi: se è possibile perciò trascorrete il tempo all’aria aperta.
Se la vostra vacanza prevede un viaggio in treno i problemi sono davvero pochi; conviene però portarsi dietro tutta l’attrezzatura per i cambi e qualcosa da mangiare.
Seguendo queste precauzioni potete andare in vacanza dappertutto: dalla cittadina di mare a pochi chilometri da casa, all’altro capo del mondo.
Ci sono bambini dappertutto e dappertutto c’è un ambiente adatto a loro, cibo idoneo a nutrirli e un letto comodo per ospitarli.
Conviene portarsi dietro dei farmaci?
Direi di no.
Eccetto la solita medicina per la febbre e il dolore: è l’unica che potete usare senza chiedere al medico

ARTICOLI CORRELATI

  • Si può portare un neonato in montagna?

    Si può portare un bambino in montagna? E fino a che altitudine di può salire? Capita spesso di sentirsi chiedere una di queste domande da genitori in partenza p...

    Leggi
  • Fra suocere e nuore... mettiamoci il cuore!

    Quando arriva un bambino in famiglia, i due neo-genitori devono affrontare anche nuovi equilibri di famiglia, come quello difficile fra nuora e suocera.

    Leggi

Inserisci parola chiave: