test

La pertosse nei bambini

Una delle malattie da non sottovalutare

A cura del pediatra Dott. Vincenzo Calia

La pertosse si chiama anche “tosse convulsa”, “tosse asinina”, “tosse canina” o “tosse cattiva” perché questa malattia si presenta con una grande tosse, che comincia piano piano, come un banale raffreddore, ma dopo un paio di settimane comincia a diventare sempre più violenta, viene con forti accessi, il bambino diventa tutto rosso, sembra che gli manchi il fiato, dopo ogni attacco fa un verso strano, una specie di risucchio e a volte vomita.
Questa tosse dura parecchio, diverse settimane e non si calma in nessun modo: inutili i normali farmaci per la tosse, inutile il cortisone e l’aerosol, si può curare con antibiotici della famiglia dei “macrolidi”, ma il risultato è quello di renderla non più contagiosa, ma nemmeno gli antibiotici fanno smettere la tosse.
E anche quando sembra che sia passata e il bambino sta bene da diversi giorni, basta uno stimolo qualsiasi, un raffreddore che ritorna, per scatenare per qualche giorno i soliti attacchi di tosse.
Pur essendo una malattia molto fastidiosa, nei bambini più grandi non è mai stata molto pericolosa; ma nei più piccoli (neonati e lattanti) poteva essere terribile e persino mortale.
Ecco perché da molti anni, a partire dai due mesi compiuti, quasi tutti i bambini vengono vaccinati contro la pertosse (il vaccino antipertosse è contenuto nell’”esavalente”); la vaccinazione viene ripetuta 3 volte nel primo anno di vita e poi ancora a 6 anni, a 16 anni e ogni 10 anni.
Queste vaccinazioni successive sono abbastanza importanti: la pertosse infatti è completamente sparita fra i neonati e i lattanti (e quindi non uccide più nessun bambino), quasi completamente sparita nei bambini (e perciò nessuno soffre più di quei violenti attacchi), ma si vede ancora nei ragazzi più grandi e nei giovani adulti che magari erano stati vaccinati da piccoli ma, con il passare degli anni, hanno perso gli anticorpi e avrebbero avuto bisogno di essere rivaccinati.
In un certo senso la pertosse fa parte delle malattie del passato, ma se si abbassa la guardia e si smette di vaccinare, potrebbe ritornare a far paura.

ARTICOLI CORRELATI

  • Perché il bambino ha il dito a scatto?

    Il dito a scatto congenito è un'alterazione che comporta uno scatto durante la flessione o l'estensione di un dito, generalmente il pollice a livello dell'artic...

    Leggi
  • Quali sono le alterazioni del piede del bambino?

    Le alterazioni del piede del bambino alla nascita sono affezioni estremamente frequenti, che spesso si presentano molto eclatanti e, pertanto, destano attenzio...

    Leggi

Inserisci parola chiave: