Club Pampers Accedi
test

Non sai perché il tuo bimbo piange?

Piangere è semplicemente un modo che il tuo bimbo ha per attirare la tua attenzione: niente panico!

A cura del pediatra Dott. Vincenzo Calia

Perché piangono i bambini neonati? Non potrebbero essere sempre sorridenti e richiamare la nostra attenzione più “educatamente”?

La risposta è semplice: il pianto è una necessità.

Cerchiamo di capire perché. I cuccioli degli esseri umani, quando nascono, hanno un’autonomia molto ridotta: non sanno camminare, non sono in grado di procurarsi il cibo, non sono capaci di difendersi dai pericoli. Ci vuole molto tempo perché imparino tutte queste cose. 

Oggi i nostri bambini vivono al sicuro delle loro culline, ma nelle decine di migliaia di anni in cui gli esseri umani si sono evoluti, i cuccioli d’uomo erano esposti a mille pericoli: potevano essere preda di animali aggressivi, potevano essere involontariamente trascurati dalla loro tribù che si spostava alla ricerca del cibo, potevano essere lasciati esposti alle intemperie. Se accadeva una di queste cose il neonato, così debole e dipendente, poteva morire.

A meno di non farsi sentire… piangendo forte. 

Piangere è diventato così il modo più efficace di comunicare dei bambini molto piccoli: si sente da lontano e suscita nell’adulto (la mamma in particolare) un istinto fortissimo di protezione.

Oggi i nostri bambini, per fortuna, non corrono più tutti questi pericoli, però siamo pur sempre discendenti degli uomini primitivi e portiamo nei nostri geni le tracce di quello che siamo stati.

Morale della favola: non allarmatevi se il vostro bambino neonato si mette a piangere forte: è molto difficile che stia male, vuole soltanto essere consolato e richiamare la vostra attenzione. 

Il pianto, per ora, è il solo modo che lui ha di comunicare. Presto imparerà anche ad essere più moderato nei suoi richiami.

Vi dirò di più: un lattante che sta veramente male lo si riconosce subito: è lì, mogio mogio e… non piange mai.

ARTICOLI CORRELATI

  • Il metodo del "Time Out": un'alternativa alla sgridata

    Ogni genitore spera di riuscire a guidare amorevolmente il proprio bambino verso comportamenti socialmente accettabili...

    Leggi
  • E' per egoismo che le madri sono materne?

    Spesso il dialogo tra mamma e bambino è così forte che non viene ben compreso all'esterno

    Leggi

Inserisci parola chiave: