Club Pampers Accedi
test

L’importanza del tatto nello sviluppo del bambino

Il neonato ha un intenso bisogno di contatto, cioè di essere tenuto, abbracciato, coccolato. Non si tratta di vizi ma di un modo per sviluppare al meglio il suo sistema nervoso.

A cura della psicologa Dott.ssa Antonella Sagone

Il tatto è il senso che per primo entra in azione già ai primissimi stadi della vita prenatale. I “sensori” tattili sono innumerevoli e distribuiti su tutta la superficie corporea, e nell’embrione sono in grado di funzionare già a stadi precocissimi dello sviluppo. Un fatto ci può far riflettere: la pelle, che è l’organo del tatto, deriva dallo stesso gruppo di cellule che formerà il sistema nervoso: pelle, organi di senso, cervello e nervi tutti da un unico strato di cellule che si differenziano già nei primissimi giorni di vita nell’utero.

 

Attraverso il tatto il feto impara a percepire il confine fra sé e l’utero della mamma che lo avvolge, e le sue prime esperienze del mondo si svolgono tramite questo senso. Quando sarà nato (e la nascita è una fortissima esperienza tattile), il contatto pelle a pelle sarà ciò di cui ha bisogno per recuperare quel senso dei confini corporei e del contenimento di cui ha fatto esperienza in nove mesi di vita nel grembo di sua madre. essere toccato, accarezzato, abbracciato sono necessità essenziali per il bambino, che permettono al suo sistema nervoso ancora immaturo di mantenere una sua stabilità e organizzarsi in modo più efficace per rispondere ai tanti stimoli che gli offre il mondo esterno. Ecco perché il bambino vuole stare sempre in braccio, e chiama la mamma appena viene lasciato da solo: non è vizio, ma necessità biologica per svilupparsi nel modo ottimale.

 

Il mondo ideale del neonato non è insomma fermo e costante, come può esserlo l’interno della culla: è in movimento, e fornisce al bambino stimoli diversi anche dal punto di vista tattile… insomma è l’ambiente-mamma, cioè il mondo contenitivo e di sostegno formato dalle braccia e dal petto di un adulto in movimento. In braccio al genitore il bambino sperimenta pressione stabile e sicura intorno a sé, la morbidezza delle braccia che lo sostengono, la carezza delle mani dell’adulto, il battito del cuore, il suono della voce di colui o colei che lo porta, trasmesso non solo attraverso l’udito, ma anche come vibrazione da petto a petto. Il sistema vestibolare (l’organo dell'equilibrio, che si trova nell’orecchio interno) è sollecitato dai movimenti dell’adulto che lo porta. Anche l’olfatto è stimolato, e il bambino impara persino a un solo giorno di vita a riconoscere l’odore materno e poi quello degli altri membri della famiglia… e se è in braccio alla mamma, può soddisfare anche il suo senso del gusto, con una poppata di latte.

Questi sensi – tatto, olfatto e gusto – sono detti “i sensi della vicinanza”, perché si esprimono quando il bambino è vicino, o a contatto, con l’adulto. E non a caso si sviluppano prima di tutti gli altri, a rivelare quanto siano importanti per lo sviluppo del sistema nervoso del bambino, ma anche per la maturazione affettiva, la sua percezione del mondo e la sua capacità di relazionarsi. L’udito poi, e la vista, hanno il loro momento più avanti nello sviluppo, anche se il bambino naturalmente è da subito in grado di udire (e riconoscere la voce della mamma!) e di vedere (e mettere a fuoco, guarda caso, proprio alla distanza che c’è fra i suoi occhi e il viso materno quando poppa al seno).

 

Questa stimolazione che nasce dalla vicinanza è dunque un vero e proprio nutrimento emotivo e cognitivo per il neonato, tutt’altro che un vizio o un capriccio o magari un “dispetto” che il bambino fa ai genitori, pretendendo la loro presenza continua per tiranneggiarli!

Questi bisogni non dureranno per sempre. Alle soglie dell’età scolare i bambini sono tutti presi dal mondo visivo e uditivo e hanno bisogno di stimolare i loro sensi dell’equilibrio e del movimento giocando attivamente. Un prato su cui rotolarsi sarà molto più attraente delle braccia della mamma a quell’età… il momento delle coccole sono i primi anni, e lungi dal creare cattive abitudini, non far mancare al proprio bambino le braccia e le carezze è il modo migliore per garantirgli un sano sviluppo per il suo corpo e per la sua psiche.

ARTICOLI CORRELATI

  • Neonato nervoso. Cosa fare?

    Alcuni comportamenti possono far sembrare il neonato nervoso, in realtà molto spesso è soltanto il loro modo di comunicare.

    Leggi
  • L’ansia materna: è esagerata?

    Leggi

Inserisci parola chiave: