test

Ritrovare l’intimità della coppia dopo il parto

Fattori fisici, ormonali e psicologici contribuiscono a creare un calo del desiderio dopo il parto, come ritrovare la giusta intimità

A cura della psicologa Dott.ssa Antonella Sagone

Per la donna la gravidanza e il parto sono esperienze anche sessuali, che causano grandi cambiamenti nella percezione del suo corpo, e sono così intense che per un po’ non lasciano spazio a molto altro. Gli ormoni nel dopo-parto orientano la donna a coinvolgersi in modo molto intenso con il neonato; la prolattina e l’ossitocina stimolati dall’allattamento inclinano alla tenerezza più che alla passione e alla sessualità.

Dal punto di vista emotivo, la relazione con il bambino coinvolge intensamente la donna, e anche qui è difficile per lei spostare l’attenzione verso il rapporto con il suo partner. Gli stereotipi culturali riguardanti il ruolo di genitori possono mettere in difficoltà sia l’uomo che la donna, poiché nella nostra cultura padre e amante, donna e mamma sono spesso vissuti come ruoli poco compatibili fra loro, e può non essere facile, specialmente per la madre, scivolare da un ruolo all’altro.

Per la donna entra in gioco anche il sovraccarico di stimolazione tattile. Una giornata trascorsa ininterrottamente prendendo in braccio, cambiando, allattando il proprio figlio (e, più avanti, con un piccoletto che gattona o trotterella marcando stretta la mamma, tirandole i vestiti, arrampicandosi su di lei, mettendole le manine sulla faccia…) può saturare la disponibilità della donna ad essere toccata ancora, a sera, dal suo compagno che magari invece è stato via per lavoro e ha al contrario accumulato una carenza di tenerezza e contatto. La stanchezza e il poco sonno fanno il resto!

Per ritrovare l’intimità nella vita di coppia entrambi devono fare uno sforzo cosciente per venirsi incontro, con pazienza, e mantenere empatia e comprensione reciproca. Maggiore disponibilità da parte della donna potrà esserci se il papà vorrà, e gli sarà permesso di, entrare nella sfera materna, condividendo l’esperienza della sua partner, le emozioni, l’intimità con il bambino e le piccole cose, attività, cure quotidiane. Sentirsi compresa e sostenuta è una parte importante per lei, per ritrovare l’affiatamento col partner anche dal punto di vista fisico. Ci vuole comunque del tempo e non è opportuno forzare le cose, anche se ci si può adoperare insieme per cercare di ritagliarsi dei momenti di relax insieme, creando condizioni il più possibile favorevoli a ricreare intimità, comprensione e complicità, che sono le premesse dell’amore. Il resto verrà da sé!

  • TAG:

Vuoi contattare direttamente la PSICOLOGA?

Autorizzo la rielaborazione e la pubblicazione della mia domanda in forma anonima

LEGGI GLI ULTIMI ARTICOLI

  • L’ansia da prestazione nei bambini

    Cosa accade quando il bambino ha paura di mettersi alla prova, a scuola, nello sport, o a casa con amici e parenti?

    Leggi
  • Perché il bambino piange e fa i capricci più con la mamma?

    Proprio perché la presenza e la disponibilità della mamma è totale, suo figlio sente di potersi lasciare andare con lei, perché sa che lo accetterà

    Leggi

Inserisci parola chiave: