Club Pampers Accedi
Naviga tra le sezioni
Indietro

Crescita neonato settimana per settimana e mese per mese

Seleziona l’età del tuo bambino e scopri i consigli del pediatra.

Nascita

La nascita del bambino

Settimane

Mesi

Benvenuta nel terzo mese di vita del tuo bambino.

Il tuo bambino ha superato la fase di adattamento alla vita fuori dal pancione. È questo il momento per provare a introdurre un po' di regolarità nelle vita quotidiana.

COSA SUCCEDE IN QUESTO MESE

Guarda il video del neonato a 3 mesi

Bambino di tre mesi

COME CRESCE IL TUO BAMBINO

Come cresce il tuo bambino

Il tuo piccolo non è più un neonato

Intorno al terzo mese il tuo bambino non è più un essere imprevedibile. Ha superato la fase di adattamento che comporta il passaggio dalla vita tranquilla nel pancione della mamma alla vita extra-uterina. È ora un individuo, che inizia a manifestare i suoi gusti, le sue preferenze e caratteristiche particolari. I suoi progressi in campo motorio sono notevoli. Non c'è più bisogno di sostenergli il capo quando è in braccio. Da prono, riesce a sollevare il capo e il torace tenendosi sulle braccia. Si spinge con le gambe quando lo tenete in posizione eretta. Non tiene più le mani chiuse a pugno: le apre e le chiude per afferrare tutto ciò che gli capita sotto mano (capelli della mamma compresi!).

E all'improvviso, ecco le mani!

In questo periodo, il bambino fa una scoperta davvero interessante: le sue manine. Passa molto tempo ad osservarle, le usa come strumento per conoscere il suo viso e il suo corpo, impara ad usarle in modo sempre più efficace per afferrare oggetti. Impara anche a mettersi le mani in bocca intenzionalmente e a succhiarle, per trarne sensazioni piacevoli, come quando è allattato.

CRESCERE INSIEME

Crescere insieme

Una routine di coppia

Il terzo mese corrisponde a un momento di passaggio, sia per il bambino, sia per la mamma che se ne prende cura. I ritmi del bambino non sono più quelli del neonato, scanditi unicamente da sonno e fame, a volte senza una precisa distinzione tra giorno e notte. Ora il piccolo inizia (lentamente e con molte differenze da bambino a bambino) ad acquisire alcune “abitudini”: concentra la maggior parte delle ore di sonno durante la notte. Durante il giorno alterna frequenti sonnellini a momenti di veglia, in cui è molto vigile e desidera essere intrattenuto. È questo il momento giusto per iniziare a provare, senza stress e senza forzature, ad introdurre un po' di regolarità nelle azioni quotidiane: la passeggiata all'aperto, il momento di gioco pomeridiano, il bagnetto, i riti della buonanotte. Questo mix di metodicità e regolarità di vita da un lato e di flessibilità alle sue esigenze e stimolo dall'altro, aiuteranno il bambino ad acquisire un rassicurante senso di ordine del mondo e a sviluppare la capacità di prevedere ed anticipare gli eventi.

Sicurezza: con il senno del prima

Con l'acquisizione di nuove capacità motorie, crescono i pericoli: anche l'attenzione dei genitori deve crescere proporzionalmente. Per evitare il rischio di cadute accidentali, è fondamentale non lasciare mai incustodito il piccolo (neppure per pochi secondi!) su una superficie da cui potrebbe cadere, come il fasciatoio o il letto: i suoi movimenti sono imprevedibili. Prestate anche la massima attenzione agli oggetti che sono a portata di mano del bambino: pur non essendo ancora in grado di coordinare con precisione i movimenti, potrebbe afferrarli e portarli alla bocca.

L'agenda della salute

L'AGENDA DELLA SALUTE

La vaccinazione esavalente

A partire dal 61° giorno di vita è prevista la prima somministrazione della vaccinazione esavalente contro difterite, tetano, pertosse, poliomelite, Haemophilus influenzae di tipo b ed epatite B. La vaccinazione è obbligatoria e gratuita. Se ne raccomanda l'esecuzione il prima possibile per fornire una protezione rapida al piccolo, soprattutto nei confronti della pertosse, la cui gravità è tanto maggiore quanto più precocemente è contratta.

La vaccinazione anti-pneumococco

In concomitanza con l'esavalente è possibile eseguire la prima dose della vaccinazione antipneumococco, raccomandata e gratuita.

SCOPRI ANCHE

Scopri anche

Cresce più lentamente

Mediamente a tre mesi la crescita rimane sopra i 120 grammi a settimana, ma le pesate settimanali possono iniziare a decrescere nel tempo e a oscillare di molto. Poiché il piccolo si scarica e fa pipì in quantità sempre maggiore, possono alternarsi pesate settimanali maggiori di 200 grammi a pesate inferiori ai 100 grammi. Se il bambino è sereno, sta bene, si scarica e fa pipì normalmente, non occorre preoccuparsi se per una settimana cresce meno del previsto. Aspettate la settimana successiva: se la crescita si confermerà rallentata, sentite il parere del pediatra.

Poppate laboriose

Poiché l'interesse del bambino per l'ambiente circostante cresce sempre più, la poppata al seno o al biberon può diventare un po' più laboriosa: si attacca e ciuccia per un po', ma è sufficiente un rumore, o la presenza di qualcuno nella stanza, per farlo distrarre e interrompere la suzione (e, se allattato al seno, magari proprio mentre il latte stava arrivando in quantità...). Se il piccolo è un gran curiosone, meglio appartarsi per la poppata in un luogo tranquillo.

Tips & Tricks Fireworks

Uffa, il raffreddore!

I bambini nel primo anno di vita hanno spesso il naso chiuso e colante, a volte anche con tosse e mal di gola: è il raffreddore, una infezione virale frequente che disturba molto i bambini, perché rende più difficile le poppate e il sonno. I piccoli sono particolarmente esposti, perché il loro sistema immunitario è ancora immaturo e molto reattivo: appena entra in contatto con un germe, si attiva per “allenarsi” a combattere. Cosa fare? Poiché non esistono cure per il raffreddore, si può cercare di alleviare i sintomi ed evitare complicanze da ristagno di muco infetto (come l'otite) eseguendo una regolare e accurata pulizia del nasino con soluzione fisiologica e successiva aspirazione del muco con un aspiratore nasale.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra i professionisti della salute e il lettore. Le tappe di sviluppo del bambino da 0 a 12 mesi descritte sono puramente indicative: ogni bambino segue ritmi di sviluppo propri. E' pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico pediatra e/o specialista.

Inserisci parola chiave: