BENVENUTA NELLA 1°
SETTIMANA DI GRAVIDANZA

Non riconosci ancora bene i sintomi, ma la tua gravidanza è già iniziata! Se hai notato qualche piccola perdita ematica o ti senti più stanca del solito, ecco cosa sta accadendo al tuo corpo.

Scarica il diario della gravidanza

COME COMINCIA L'AVVENTURA

La fecondazione, ovvero l’unione del gamete maschile col gamete femminile, dà il via a quell’incredibile viaggio che ti renderà mamma! Avviene all’interno delle tube di Falloppio: esse hanno il compito di raccogliere la cellula uovo prodotta dall'ovaio e di incanalarla verso l'utero dove avverrà l'impianto dell'uovo fecondato. È proprio durante il tragitto tra l'ovaio e l'utero che la cellula uovo ha la possibilità di essere fecondata da uno spermatozoo.

È la mucosa uterina, anche detta endometrio, ad accogliere l’uovo fecondato. Questo fenomeno è chiamato annidamento. Nella settimana che trascorre dalla fecondazione all’annidamento in cavità uterina, l’uovo, percorrendo la tuba, subisce delle trasformazioni. Tramite la segmentazione si trasforma in un ammasso di cellule detto “morula”, in seguito l’ammasso diventa cavo e prende il nome di “blastocisti”. Alla fine della prima settimana si impianta nella mucosa uterina che cambia il suo nome in “decidua”. L’annidamento avviene generalmente al 21° giorno del ciclo mestruale, cioè sette giorni dopo l’ovulazione. A questo punto non ci sono più dubbi: sei incinta!

COSA STA CAMBIANDO IN TE

In questi primissimi giorni i sintomi sono pochi e molto lievi, al punto che potresti confonderli con malesseri legati allo stress.

IL TUO BIMBO
A 1 SETTIMANA


Forse non tutti sanno che… l’inizio della gravidanza viene calcolato a partire dal primo giorno dell’ultima mestruazione. Ed è proprio da quel giorno che iniziano le 40 settimane di gestazione, ovvero i nove mesi di dolce attesa. Generalmente la gravidanza viene suddivisa in tre trimestri: il primo trimestre va dalla 1° alla 13° settimana, il secondo dalla 14° alla 27° settimana e il terzo trimestre dalla 28° alla 40° settimana.

Il processo di annidamento può comportare delle perdite ematiche di colore rosso oppure marrone chiaro. Se l’impianto è avvenuto da poco tempo le perdite sono rosse, se invece sono di colore marrone, l’impianto è avvenuto qualche giorno prima. Queste perdite sono dovute alla rottura di piccoli vasi nel contesto della mucosa uterina che in questo momento è più soffice. Potresti sentirti più stanca e debole poiché in questa fase la pressione sanguigna potrebbe essere più bassa, ed è possibile avvertire anche un po’ di mal di testa. In questi primi giorni potrebbe manifestarsi anche la famigerata nausea mattutina causata dall’ormone della gravidanza, gonadotropina corionica, ma non preoccuparti! Si tratta di un fenomeno passeggero, tra qualche settimana sarà già passata.

Già nella prima settimana di gravidanza il seno inizia a essere più sensibile: a causa della tempesta ormonale diventa più grosso e duro e puoi avvertire una tensione dolorosa. Anche i capezzoli possono diventare più scuri per l’aumento di pigmento conseguenza del picco di ormoni gravidici. La pancia potrebbe presentarsi più dura e gonfia per l'aumento di produzione di progesterone e potresti accusare un po’ di tensione al basso ventre: è l'utero che inizia a crescere per prepararsi alla gravidanza e far posto al tuo piccolo.

Anche per te, futuro papà, l’avventura è appena cominciata, ma puoi già iniziare ad adottare qualche nuova buona abitudine in vista del progredire della gravidanza della tua compagna. Comincia a seguire un’alimentazione sana ed equilibrata: anche il tuo benessere fisico sarà importante per la salute e la crescita del bambino.
Per questo, evita gli eccessi e aiuterai anche la tua compagna a mantenere un corretto regime alimentare. Inoltre, un ottimo proposito per affrontare in sintonia con la tua dolce metà questo meraviglioso momento potrebbe essere quello di smettere di fumare in modo da non indurre in tentazione la tua compagna ed evitarle odori sgradevoli.

SCOPRI ANCHE...

I CICLI LUNARI E LA GRAVIDANZA

Forse avrai già sentito la tua nonna parlare di un legame tra la gravidanza e i cicli lunari. Ma in cosa consiste? Quando non esistevano ancora gli strumenti tecnologici in grado di calcolare le settimane di gravidanze, le donne sostenevano esistesse una correlazione tra il parto e cicli lunari.

Secondo la cultura popolare il parto avveniva infatti dopo 9 lune dal concepimento. Non esiste nessuna validità scientifica riguardo questa teoria, ma dopo 9 lune dello stesso tipo, ad esempio di luna piena, e quindi alla comparsa della 10 luna piena, saranno trascorse all'incirca 40 settimane.

L'ACIDO FOLICO

In questa 1° settimana di gravidanza è fondamentale iniziare ad assumere acido folico che ha la funzione di prevenire le malformazioni del tubo neurale, ossia del sistema nervoso del nascituro.
Mangia frutta e verdura di stagione
e ricorda che il lievito di birra è uno degli alimenti con la più alta quantità di acido folico: puoi assumerlo in compresse o in polvere.
Durante questa settimana puoi iniziare anche a condire i tuoi piatti con qualche cucchiaino di polvere di lievito di birra, oppure assumere integratori di acido folico.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Inserisci parola chiave: