BENVENUTA NELLA 10°
SETTIMANA DI GRAVIDANZA

La fine del primo trimestre è vicina e anche le nausee tra poco saranno solo un brutto ricordo. I tuoi livelli di HCG sono ancora un po’ alti, ma presto tenderanno a stabilizzarsi e ti sentirai decisamente meglio. Tieni duro!

Scarica il diario della gravidanza

COSA SUCCEDE IN QUESTA SETTIMANA?

Guarda il video

COME CRESCE IL TUO BAMBINO

IL TUO BIMBO
È GRANDE COME…

In questa fase le misure del feto si aggirano intorno ai 3 cm. Il tuo bambino sta iniziando a sviluppare i follicoli piliferi, la struttura della pelle su cui si costituiranno i peli. Sulle dita si stanno formando le unghiette e le impronte digitali. Gli occhi continuano il loro sviluppo: crescono le palpebre, che serviranno a proteggere i bulbi oculari mentre il padiglione auricolare e la parte interna dell’orecchio sono già completamente formati. Il tuo bimbo è quasi pronto ad ascoltare le voci e i suoni dell’esterno!

Con l’ecografia riuscirai finalmente a sentire il suo battito cardiaco: preparati, sarà un’emozione incredibile! Il suo cuore pulsa a circa 180 battiti al minuto, una velocità doppia rispetto a quella di un adulto: ti sembrerà di ascoltare il galoppo di un cavallo. La colonna vertebrale inizia a essere chiaramente visibile e comincia a svilupparsi anche il diaframma, la parete che separa la cavità addominale dalla cavità toracica e che rappresenta il principale muscolo respiratorio.

COSA STA CAMBIANDO IN TE

Forse ti sembra che mani e piedi siano più caldi: accade perché nel tuo corpo circola più sangue. E se hai più sete, asseconda il tuo corpo bevendo di più.

IL TUO BIMBO
A 10 SETTIMANE


In questa decima settimana di gravidanza la tua pancia inizia a crescere. Se sei alla prima gravidanza e non è ancora così evidente, non farne un dramma, è tutto nella norma. Tra poco il tuo pancino inizierà a farsi notare e riscontrerai un aumento di peso.
In questa fase l'aumento dei livelli di progesterone potrebbe provocare la leucorrea, un aumento delle secrezioni e delle mucose. Per questo, se riscontri un incremento delle perdite vaginali di colore biancastro, non preoccuparti. In caso di eccessivo prurito o fastidio segnalalo al tuo ginecologo per trovare insieme un rimedio efficace.

Il tuo corpo è in via di trasformazione: sta per accogliere una nuova vita, non c’è nulla di più entusiasmante! Ma se vuoi evitare eventuali smagliature sul seno e sulla pancia, puoi iniziare a massaggiare queste zone del corpo con una buona crema antismagliature, ricordandoti di spalmarla più volte al giorno. Potresti anche associare l’utilizzo di un olio alle mandorle o di jojoba per ammorbidire la pelle ancora di più. Approfittane per farti regalare ogni sera un bel massaggio dal tuo partner: sarà un momento per prenderti cura di te stessa che rafforzerà anche la vostra intesa.

Se non sei alla prima gravidanza, potresti notare la comparsa di vene varicose alle gambe. Accade quando il sangue inizia a circolare male e le vene perdono tonicità e si dilatano, assumendo un aspetto bluastro. In questa fase, a causa dell’aumento dei livelli di progesterone, i tessuti venosi potrebbero rilassarsi. Potresti accusare prurito, sensazione di pesantezza alle gambe, crampi notturni, gonfiore delle gambe e, a volte, anche dei piedi. Prendi l’abitudine di camminare almeno una mezz’ora al giorno, ti aiuterà a migliorare la circolazione del sangue delle gambe.


Vuoi scoprire gli esercizi per migliorare la circolazione in gravidanza? Il nostro personal trainer te li spiega.

Leggi l’articolo

Caro papà, anche tu stai per entrare in una fase più emozionante della gravidanza. Forse fino a ora non eri ancora riuscito a renderti conto di tutto ciò che di bello ti sta per accadere.
Alla decima settimana, però, è giunta l’ora della prima ecografia per la tua compagna e anche tu vivrai un momento magico: potrai vedere per la prima volta il tuo bambino. Sarà un’emozione indescrivibile. Non perdere l’occasione di accompagnare la tua partner a fare la visita e condividere con lei questo momento che ricorderete per sempre. Quando il ginecologo avrà stampato la prima ecografia, potrete portarla a casa con voi e iniziare a fantasticare sulle somiglianze.

GLI ESAMI DELLA GRAVIDANZA

Ci siamo! Tra la 10ª e la 13ª settimana puoi eseguire la prima ecografia per capire come procede la gravidanza: potrai ascoltare il battito cardiaco e scoprire se sei in attesa di un solo bambino o di due splendidi gemellini.


PROMEMORIA

Ecografia

Aggiungi al tuo calendario

Scegli una data utile NELLA QUALE POTRESTI effettuare gli esami:

Aggiungi al tuo calendario

SCOPRI ANCHE...

CURATI NEL MODO GIUSTO

In gravidanza l’acido acetilsalicilico è assolutamente da evitare per gli effetti nocivi che provoca sul feto. In particolare, i farmaci antinfiammatori non steroidei come l’acido acetilsalicilico e la nimesulide, possono provocare una prematura chiusura del dotto arterioso di Botallo, il vaso che mette in comunicazione la circolazione sanguigna del feto con quella della madre, garantendo la distribuzione di sangue ossigenato agli organi del nascituro.

Inoltre, queste sostanze riducono la funzione renale del feto e possono diminuire la quantità di liquido amniotico in cui il bimbo è immerso. Prima di assumere farmaci confrontati sempre con il ginecologo e se hai mal di testa meglio assumere paracetamolo, che non nuoce al bambino.

PERINEO, QUESTO SCONOSCIUTO!

Hai mai sentito parlare del perineo? Si tratta di quell’insieme di muscoli e legamenti posti alla base dell’addome, tra il pube e il coccige, che regola la minzione e la defecazione.
Un modo semplice per individuare i muscoli perineali è interrompere il getto di urina contraendo volontariamente la muscolatura.
Quando partorirai il perineo avrà un ruolo importantissimo! Sarà questa muscolatura ad aiutare il piccolo a uscire: un perineo ben allenato agevolerà quindi il tuo parto. Inizia adesso a sperimentare esercizi utili ad allenarlo.

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Inserisci parola chiave: