BENVENUTA NELLA 16°
SETTIMANA DI GRAVIDANZA

Il tuo bambino diventa sempre più grande e potresti già iniziare a percepire qualche piccolo calcetto: adesso si muove tantissimo nel liquido amniotico, cambia posizione e allena i suoi muscoli.

Scarica il diario della gravidanza

COSA SUCCEDE IN QUESTA SETTIMANA?

Guarda il video

COME CRESCE IL TUO BAMBINO

IL TUO BIMBO
È GRANDE COME...

La spina dorsale e la muscolatura della schiena del feto sono sempre più sviluppate e il tuo bambino inizia a raddrizzare la testa. Lo scheletro cartilagineo ha iniziato il processo di ossificazione, ma la sua formazione si completerà solo dopo la nascita, in modo che le ossa restino flessibili durante il parto e tu… sia più agevolata!

I suoi occhietti sono ancora chiusi e cominciano a fare i primi movimenti. La pelle è trasparente, ma sta iniziando a svilupparsi un po’ di grasso sottocutaneo utile a tenerlo al calduccio. Il sistema circolatorio, i polmoni e le vie urinarie si sono completamente formati e anche il cordone ombelicale adesso è costituito da due arterie e una vena avvolti dalla cosiddetta “gelatina di Wharton” che serve a proteggere e a isolare i vasi ombelicali.

Ti è sembrato di percepire i primi movimenti? È proprio tuo figlio che inizia a scalciare! Da questa settimana, infatti, questi movimenti del feto iniziano a essere tantissimi: cambia posizione circa 20 volte nell’arco di un’ora, gioca con il cordone ombelicale e con le mani e si tocca il volto. La sensazione potrebbe essere quella di un battito d’ali di una farfalla, un’emozione unica soprattutto le prime volte che la percepisci!Il peso del feto adesso è di 100 grammi e la sua lunghezza è di circa 12 cm.

COSA STA CAMBIANDO IN TE

L’utero è posizionato tra il pube e l’ombelico e la sua lunghezza è di circa 16 cm: cresce sempre più per accogliere il tuo piccolino.

IL TUO BIMBO
A 16 SETTIMANE


Buone notizie: la nausea è completamente sparita e con l’aumento di appetito potresti tornare ad apprezzare i cibi che amavi prima della gravidanza. Il tuo gusto, infatti,sta tornando quello di prima, anche se alcuni alimenti potrebbero ancora infastidire il tuo olfatto.

In questa sedicesima settimana di gravidanza potresti riscontrare un po’ di gonfiore alle gambe e ai piedi: se la tua gravidanza coincide col periodo estivo, anche il caldo contribuirà alla dilatazione dei vasi sanguigni tipica di questo periodo, con un conseguente accumulo di liquidi nelle gambe. Bevi tanta acqua e fai lunghe passeggiate, senza mai stancarti troppo. Agevolerai la diuresi e la riduzione dei liquidi in eccesso, mantenendoti anche in forma.

Vuoi scoprire come migliorare la circolazione del sangue?
Il nostro fisiatra te lo spiega
.

Leggi l’articolo

Probabilmente durante la sedicesima settimana continui ad avere ancora qualche disturbo gastro-esofageo: l’acidità di stomaco potrebbe farsi più intensa perché il volume dell’utero sta crescendo sempre più e gli organi si stanno spostando verso il diaframma, comprimendo lo stomaco. Ecco due consigli per stare un po’ meglio: innanzitutto non assumere posizioni supine subito dopo i pasti. Anche se la tentazione è forte, resisti almeno un’oretta prima di sdraiarti! E poi abituati a dormire con due cuscini dietro la schiena: in questo modo tieni sollevato lo stomaco e faciliti la digestione.

Futuro papà, stai vivendo l’evolversi della gravidanza osservando i mutamenti della tua compagna giorno dopo giorno e forse inizi a domandarti quale sarà il tuo ruolo, che valore avrà la tua presenza nella vita del bimbo che sta per arrivare.
La risposta è semplice: sei assolutamente fondamentale! Secondo alcuni studi condotti dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, i figli che avvertono un maggiore coinvolgimento dei papà nella loro vita, hanno maggiori probabilità di ottenere risultati migliori a scuola e sviluppano una maggiore consapevolezza di sé che li porterà ad affrontare in maniera più sana le sfide della vita. Quindi non dimenticare mai quanto è importante la tua presenza nella sua vita sin dal suo primo giorno!

GLI ESAMI DELLA GRAVIDANZA

Quante volte hai immaginato il viso del tuo piccolo? Grazie all’ecografia potrai iniziare a vedere i suoi lineamenti, che in questa fase sono più definiti.


Con l’ecodoppler, inoltre, è possibile registrare l’attività cardiaca fetale che ha una frequenza oscillante tra 140 e 160 battiti al minuto.


PROMEMORIA

Ecografia

Aggiungi al tuo calendario

Scegli una data utile NELLA QUALE POTRESTI effettuare gli esami:

Aggiungi al tuo calendario

SCOPRI ANCHE...

IL POTERE DELL’OMEGA 3

Sapevi che l’Omega 3 contribuisce allo sviluppo del cervello e degli occhi del feto? È contenuto in diversi alimenti: pesce azzurro, mandorle, noci sono tra quelli che ne contengono un alto tasso. Ma il vero re dell’Omega 3 è lo sgombro. Se hai voglia di preparare una ricetta gustosa con cui fare il pieno di Omega 3, ecco come cucinare questo pesce prezioso in gravidanza.

Inizia infornando lo sgombro e mentre attendi che si cuocia, prepara una purea di patate novelle: puoi anche semplicemente schiacciarle con una forchetta. Quando lo sgombro sarà ben cotto, condiscilo con un pesto di rucola e mandorle. Adesso impiatta adagiando i filetti di sgombro sul letto di patate. Et voilà, il piatto è pronto per una squisita cenetta con il tuo partner. Buon appetito!

IT’S YOGA TIME!

Che tu sia una yoga addicted o che non l’abbia mai provato, questo momento è ideale per dedicarti a questa pratica. Lo yoga durante la gravidanza aiuta il corpo e la mente a prepararsi al parto.
Ti aiuta a migliorare l’equilibrio, a rilassarti respirando con consapevolezza.
Ti permette di attivare la circolazione sanguigna e linfatica, contribuendo a ridurre il gonfiore e la pesantezza alle gambe.
Non solo, il tuo senso di stanchezza si ridurrà così come i dolori a livello lombare e la cefalea. E i tuoi muscoli saranno più forti e flessibili in vista del travaglio!

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Inserisci parola chiave: