BENVENUTA NELLA 17°
SETTIMANA DI GRAVIDANZA

Il tuo piccolino continua a crescere e tu inizi a fantasticare su come sarà, a chi somiglierà. E se non hai ancora deciso il suo nome, hai ancora un sacco di tempo per sceglierlo. Che momento meraviglioso!

Scarica il diario della gravidanza

COSA SUCCEDE IN QUESTA SETTIMANA?

Guarda il video

COME CRESCE IL TUO BAMBINO

IL TUO BIMBO
È GRANDE COME...

Tuo figlio sta definendo gli organi e i sensi: l’udito è più sviluppato e sente sempre meglio ciò che avviene al di fuori del pancione. Gli occhi, pur restando chiusi, si stanno posizionando al posto giusto. La crescita del feto è sempre più evidente: gambe e braccia continuano ad allungarsi. Adesso il peso del feto si aggira intorno ai 140 grammi e la lunghezza intorno ai 13 cm. Ed ecco che iniziano a spuntare anche i dentini da latte nelle gengive. Quanti progressi!

I suoi movimenti sono sempre più decisi e frequenti: continua a succhiare, ingoiare e a muoversi nuotando nel liquido amniotico. In questa fase le sue manine sono chiuse a pugnetto, sembra quasi un piccolo pugile che sperimenta tutte le novità di questo momento. I genitali sono adesso perfettamente evidenti e non si formano nuove strutture: sono in corso la maturazione e la crescita di quelle già presenti. Per questo non possono più crearsi malformazioni, quindi vivi l’inizio del quinto mese in tutta serenità! Ricorda però di non fare di testa tua nel caso dovessi assumere farmaci, consulta sempre il medico.

Quante volte hai immaginato a chi somiglierà il tuo bambino? In questa diciassettesima settimana di gravidanza i suoi lineamenti si delineano in modo chiarissimo: sta acquisendo la fisionomia che conoscerai quando nascerà. Adesso si attenua completamente la sproporzione tra la testa, che all’inizio era più sviluppata, e il corpo. Tuo figlio si sta preparando ufficialmente alla vita fuori dal pancione, che emozione!

Vuoi approfondire come le mamme immaginano il loro bambino in gravidanza?
La nostra psicologa te lo racconta
.

Leggi l’articolo

COSA STA CAMBIANDO IN TE

Il peso del pancione inizia a farsi sentire, ma la tua gioia è contagiosa: riesci a trasmettere serenità a chiunque incontri!

IL TUO BIMBO
A 17 SETTIMANE


Ti è capitato di avere qualche crampo al polpaccio o al piede? Stai tranquilla, queste contrazioni muscolari improvvise e involontarie costituiscono un disturbo piuttosto frequente durante la gravidanza e spesso si manifestano durante la notte. Potrebbero essere causate da qualche piccola mancanza di potassio e magnesio o semplicemente dalla naturale tendenza alla stasi venosa degli arti inferiori, tipica di questo periodo. Prima di andare a letto prova a fare un piccolo massaggio alle gambe con acqua fredda, partendo dal piede e risalendo verso la coscia.


Vuoi saperne di più su come gestire in crampi in gravidanza? Il nostro pediatra te lo spiega.

Leggi l'articolo

Con l’aumento degli estrogeni la pelle diventa più fine e i vasi sanguigni si allargano: se hai una pelle chiara o con tendenza all’arrossamento, potresti essere più soggetta alla couperose. Evita di entrare in ambienti eccessivamente caldi come sauna o bagno turco e allo stesso tempo stai al riparo dal freddo eccessivo.

Ultimamente hai sentito un dolore che parte dal gluteo e arriva alla fine della gamba? Si tratta di lombosciatalgia, un’infiammazione del nervo sciatico che interessa il gluteo e la parte posteriore della coscia e del polpaccio, a volte fino al piede. Oltre alla crescita dell’utero e al peso del bambino che comprimono il nervo sciatico, la postura che assumi in questo periodo, tendendo a inarcare la schiena e a spostare le spalle indietro, causa questo dolore. La buona notizia è che l’attività fisica, e in particolare il nuoto, sono ottimi rimedi per alleviare questi dolori.


Vuoi sapere di più sugli esercizi per il dolore lombare e il mal di schiena in gravidanza? Te li spiega il nostro fisiatra.

Leggi l'articolo

Stai condividendo con la futura mamma un momento a dir poco magico: sorprendila! Fai in modo di ricordare per sempre questo periodo come una delle fasi di maggiore unione della vostra coppia.

Trascorri del tempo speciale con lei: prepara il tuo e il suo bagaglio e portala a sua insaputa in un luogo a cui siete particolarmente legati o in uno completamente nuovo da vivere insieme per la prima volta.
La vostra sintonia è gioia anche per il vostro bambino e ogni momento che condividerete lo ricorderete con entusiasmo anche dopo il parto!

SCOPRI ANCHE...

TRE È IL NUMERO PERFETTO… PER I TACCHI!

Sei un’amante del tacco a spillo? La tua femminilità durante la gravidanza non è affatto compromessa, anzi! Sei così luminosa e radiosa da far invidia ad amiche e colleghe, ma è arrivato il momento di ridurre l’utilizzo dei tacchi a spillo. Sarai super sexy anche con un tacco più basso: basterà abbinarlo all’outfit giusto e al makeup più adatto.
Per evitare dolori lombari e favorire il benessere quotidiano dei piedi e della schiena, indossa scarpe più comode e dalla pianta larga, meglio se senza lacci. Soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza scegli calzature che riesci a infilare anche senza l’aiuto delle mani ed evita scarpe con una punta troppo stretta, per non ostacolare la circolazione dei piedi. E se non riesci proprio a rinunciare ai tacchi a spillo, riservali per le occasioni speciali. La tua scarpa ideale adesso ha tre o quattro centimetri di tacco.

IL TUO BAMBINO SI CHIAMERÀ…

Hai già scoperto se aspetti un maschietto o una femminuccia? Adesso è il momento di iniziare a pensare come chiamarlo.
Sarà una grande emozione pronunciare il suo nome quando ancora è nel pancione! Se sei alla ricerca d’ispirazione su come chiamare il tuo bambino guarda il nostro libro dei nomi: troverai significati, onomastici e descrizioni di tantissimi nomi per maschietto e femminuccia dalla A alla Z.
Puoi anche utilizzare il nostro configuratore chattando con Piuma il Pulcino per scoprire come chiamare il tuo bambino!

Le indicazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e il lettore. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Inserisci parola chiave: